DOMENICHE DI QUARESIMA - La Via Crucis


Le «Via Crucis» che si svolgono nella chiesa di S. Domenico (via Duomo, città vecchia) e quella nella chiesa del Carmine (Piazza Giovanni XXIII), sono senza dubbio le più interessanti da seguire a Taranto durante il periodo della Quaresima.

Le chiese citate sono quelle che ospitano le due più importanti confraternite tarantine, che da anni danno quel tocco di folklore al semplice e sconosciuto rito domenicale: la Confraternita di Maria SS. Addolorata e l'Arciconfraternita di Maria SS. del Monte Carmelo.
La « Via Crucis » si svolge così:

S. DOMENICO (ore 17,30) - Una terna di confratelli in abito di rito sosta davanti ad ognuna delle XIV stazioni. Il confratello che si trova al centro regge una Croce nera con un lenzuolo avvoltovi sopra, i due ai lati portano in mano una candela.

CARMINE (ore 18,30) - Stessa procedura. Il confratello al centro porta un Crocifisso, i due ai lati invece un grosso cero che poggiano a terra.
Ad ogni sosta sono eseguiti dei canti relativi alle XIV stazioni. I testi di questi canti sono del Metastasio e sono stati musicati da padre Filippino Marinosci agli inizi del secolo.
Per la «Via Crucis» in S. Domenico esegue i canti sacri il coro della Parrocchia, mentre per la chiesa del Carmine sono eseguiti dal coro omonimo.
Per l'ultima Domenica di Quaresima, al posto della Croce e del Crocifisso, è usata la Croce dei Misteri delle rispettive congreghe.
.
- Testo e foto sono tratti dal web.